Dopo il rilascio delle linee guida 2018 sui crediti deteriorati da parte della Banca Centrale, il successivo studio S&P che pone l’attenzione sui rischi di riduzione di credito alle imprese italiane, non si è fatta attendere la valutazione di Moody’s, che conferma l’outlook negativo sul comparto bancario. Semplificando, l’idea dell’agenzia di rating è che le banche italiane si trovano tra l’incudine e il martello. Da una parte c’è la BCE che introduce nuove e più pressanti regole per eliminare il fenomeno dei crediti deteriorati, dall’altra parte ci sono, un mercato che offre poche opportunità di raccogliere capitali, bassa redditività e una significativa esposizione di credito verso il governo italiano. Come se non bastasse, lo scenario politico europeo non è confortante, siamo ancora in attesa di vedere come si risolverà la questione Catalogna. In borsa come si traducono tutte queste preoccupazioni ? In vendite :

  • Intesa Sanpaolo -0,28%,
  • Banca Generali -2,88%,
  • Unicredit -0,35%,
  • Ubi Banca -0,97%,
  • Bper Banca -1,13%
  • Banco Bpm -1,59%,
  • Il FTSE MIB -0,40% (22.337,48),

segno meno anche per Mediaset (-1,69%), FCA (-1,07%), Banca Ifis (-1,98%) e scivolone di Unieuro (-5,44%).

Bene per Cattolica Assicurazioni (+1,83%), Rai way spa (+2,24), A2A (+0,77). Tra i titoli a minore capitalizzazione, Banca Sistema (+4,92%), società sportiva Lazio (+9,42%), Exprivia (+10,29), Safe bag (+7,35%).

News per Banco BPM che oggi ha dato l’esclusiva a Cattolica Assicurazioni, nel cui capitale e’ da poco entrato con il 9% Warren Buffett, per trattare in merito alla nuova partnership di bancassurance.

Dalle comunicazioni Consob, invece, si apprende che:

  • Bridgewater Associates ha aperto una posizione corta dello 0,5% su Eni,
  • BlueCrest Capital Management Limited ha riaperto la posizione corta dello 0,58% su Bper Banca,
  • Marshall Wace ha incrementato la posizione corta su Banco Bpm, dall’1,18% all’1,26%.

Chissà se questi fondi hanno perso una buona occasione per fare soldi o se, speriamo di no, hanno ragione e nei prossimi giorni assisteremo ad una ulteriore flessione del settore finanziario. Staremo a vedere…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: